1
 
 
 
La alba ze Taliana
Início: 00:00 - Término: 07:00
» Ver toda programação
 
 
scolto spesso la vostra radio e vorrei spedirvi i nostri CD per farvi conoscere la nostra musica, potete dirmi a che indirizzo. Grazie buon lavoro Alessio Bus Tomaselli...
Alessio Tomaselli - Belluno/Itália
17/01/2020 - 13:56
Resposta: Caro Alessio. Semo stati contenti co’l tuo messagio. Volemo si el CD co le vostre musiche. Semo pramosi par riceverlo. Gràssie per scoltar la nostra programassion che la femo per mantegner le nostre raise venete portate cuà per i nostri antenati. Saluti.
-----------------------

Ve scolto da la provincia de Padova, Veneto Xe sempre on piaser sentire vecie canson che qua femo fadiga de sentire. Tanti auguri de Bon ano novo a tuti. Viva San Marco....
Francesco Magro - Monteortone, Padova, Veneto/Italia
03/01/2020 - 17:20
Resposta: Grássia per scoltarne. Laoremo par mantegner le nostre raize venete che i nostri antenati i gá porta al Brasile. Bono 2020 anca par voaltri. Saluti.
-----------------------

Um buon natale a tutti quanti nostri italiani. Um strucon de man a tutti....
Valmir citadini - Balneario Rincão/SC
24/12/2019 - 11:41
-----------------------

Buongiorno, mi chiamo Andrea Rosasco è sono uno studente del Centro Sperimentale di Cinematografia - Scuola Nazionale di Cinema, Roma. Con alcuni compagni di scuola, di cui uno veneto, vorremmo approfondire il tema degli italiani in Brasile. Vorremmo fare un documentario sulle comunità Talien, perché ci affascina molto il legame con le loro radici venete. Abbiamo già qualche contatto ma ci piacerebbe conoscere più persone possibili appartenenti alla comunità per conoscere le loro storie....
Andrea Rosasco - Trieste/Itália
23/12/2019 - 13:29
Resposta: Caro Andrea. È con gioia che riceviamo il tuo messaggio. Possiamo collaborare con il tuo lavoro, poiché è anche nostro obiettivo salvare e mantenere viva la storia dei nostri antenati immigrati italiani. Parliamo per rendere possibile questa collaborazione. Cordiale abbraccio.
-----------------------

Bel programa, auguri. Son drio scoltarve e vou che me su la sonada El vècio el va, el novo el vien del autor Wilson Canzi de Pinhalzinho, SC...
Noeli Alessi Soletti - Nova Erechim/Santa Catarina
18/12/2019 - 11:31
Resposta: Gràssie Noeli. Laoremo par mantegner le nostre radise e anca che la programassion la sia dal gusto de chi scolta. Saluti.
-----------------------

feliche natal a tuti salute e em poqui de soldi nol fa mal a nessuni...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/12/2019 - 11:37
Resposta: Gràssie caro amico. Anca par ti e to fameia i migliori saluti. Pace, salute, fortuna e soldi ntea scarsela fa bene a tuti nel 2020. Gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

go manja anca io i pissa can...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/12/2019 - 11:35
Resposta: E che boni che i zera. Fa vegner voia de magnarli ncora. Saluti.
-----------------------

fim que la dura mai paura strucon a tuti ei taliani que escolta cuesta radio bonissima...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/10/2019 - 11:11
Resposta: Gràssie caro Agenor per scoltar la RBT. Laoremo par contentar chi prestigia la programassion intanto che giutemo a mantegner le nostre raise. Strucon de man,
-----------------------

Bona note Talian Son qua che scolto Bele sonade Te spetemo 25/26/27/10/2019 Difusori del Talian Nova Erechim SC...
Airton Darcy Deon - Nova Erechim/SC
17/09/2019 - 20:31
-----------------------

Buongiorno, sono Barbara Braghin, una giornalista italiana, che vive e lavora a Rovigo. Ho visto che state promuovendo un concorso di poesie sul comune di Arquà Polesine. La locandina è in facebook. Posso avere notizie. Scrivo sul quotidiano La Voce di Rovigo. Cordiali saluti. Barbara Braghin 0039 340 9530338...
Barbara Braghin - Ariano nel Polesine/Rovigo Italia
05/08/2019 - 10:07
Resposta: Cara Barbara. Sarà un piacere parlare con te. Ci terremo in contatto e grazie per il contatto. I migliori saluti.
-----------------------

Bon di a tuti Taliani de questa rádio bela. Mi son Deivid Brombatti, qua di Caxias do Sul. Mi sto drio ascoltar tuti di la programassion bonissima che ze fata con tanto amore. Un struconaso e un gran saluto a tuti valtri....
Deivid Brombatti - Caxias do Sul/RS
27/07/2019 - 13:27
Resposta: Bona sera. Semo stati contenti per ricever el vostro messàgio. Strucon de man a tuti voaltri e gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

Cara Ràdio Brasil Talian, me ciamo Claudio Vallarini e ve scrivo da Badia Polesine, provincia de Rovigo, Italia. Parlo el dialetto polesàn e rancuro modi de parlar della gente della me città. Me fa tanto piazere savere che ghe xè nà Radio che trasmette in Lingua Veneto Taliàn. La vostra Lingua usa paròe desuete, qua in gran parte scomparse, ma come dixemo niantri, tirando un poco le rece, recezando, facendo un piccolo sforzo di ascolto, riussimo a capirve. Bravi. La vostra iniziativa la merita t...
Claudio Vallarini - Badia Polesine Rovigo/Itália
20/06/2019 - 10:26
Resposta: Grazie per il messaggio e el incoraggiamento del nostro lavoro. Se troveremo una risposta alla tua richiesta, te le invieremo. Cordiali saluti.
-----------------------

Buongiorno a tutti, sono una studentessa Ítalo brasiliana dela Università degli Studi di Milano e sto facendo delle ricerche per la mia tesi di laurea magistrale, in cui parlerò della preservazione delle culture attraverso la radio. Ho incontrato la vostra bellissima radio e mi piacerebbe molto poter raccontarla. Avrei bisogno del contatto di qualcuno che mi possa dare informazioni in più su di voi ed eventualmente fare delle interviste, mi sarebbe di grande aiuto! Grazie e buona giornata...
Fernanda Bolzan - Trieste/Italia
18/06/2019 - 9:02
Resposta: Grazie per in contato. Ci parleremo.
-----------------------

Boa tarde a todos da radio. Estamos aqui em São Paulo curtindo a programação. Mande um abraco especial ao meu pai Valmor Zambiasi e minha tia Teresinha Zambiasi de Nova Brescia....
MARCELO ZAMBIASI - São Paulo/SP
15/06/2019 - 13:37
Resposta: Bona sera. Semo stati contenti per ricever el vostro messàgio. Lo mandaremo si. Strucon de man a tuti voaltri e gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

Buonasera, vi contatto dalla rassegna stampa notturna del giornale radio Rai, da Roma: il nostro programma si chiama Tra poco in edicola e va in onda dal lunedì al venerdì, dalle 23.30 alla 1.30 - il lunedì dalle 00.30, su Radiouno - ora italiana. Si tratta di una cortesia: ci stiamo occupando, attraverso una sorta di rubrica settimanale, che va in onda ogni mercoledì, delle radio italiane all estero e, con la occasione, parliamo della comunità italiana nei paesi di volta in volta toccati. C...
Antonio Bonanata - Roma/Itália
12/06/2019 - 10:04
Resposta: Grazie per l’invito. Ci parliamo. Buona giornata.
-----------------------

Hoje através do FILÓ TALIAN tivemos o prazer de ouvir a sua programação e logicamente cadastrar a sua emissora. Fazemos parte de um grupo fechado, OS PIZZI. Temos em torno de 1.200 membros. Todos com descendência de Italianos. Fico agradecido e por aqui onde o judas perdeu as meias ficamos ligados e sintonizados ouvindo a sua maravilhosa programação. Parabéns. ROBERTO CORREA PIZZI. Um dos Administradores do grupo fechado OS PIZZI....
Roberto Correa Pizzi - TANGARA DA SERRA/Mato Grosso
04/05/2019 - 13:16
Resposta: Gràssie caro Roberto. Laoremo par mantegner le nostre raise Taliane soratuto el parlar. Te ringrassiemo par prestigiar el nostro laoro che lo femo par portar alegressa e ben essere a chi scolta. Un vero strucon de man. Rádio Brasil Talian
-----------------------

otimo programa me faz lembrar dos nonos...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
02/05/2019 - 17:11
Resposta: Grassie caro Agenor. El nostro laoro el ze proprio cusì par far ricordar dei nostri antenati e tuto quel che lori i ne ga insegná. Strucon de man.
-----------------------

Carissimi, ho il piacere di inviarvi questa mia storia. Un grande saluto. Mariano Sartore "El Tordo" Cussì. Fermo come ‘na foja che na stajon stramba a ghesse rapìo prima del tempo dal so cordon ombeicae. Mario romai el jera rivà aea fine. Anca se nessuni o gheva capìo. A dire el vero, lu nol stava ben, da un poco de tempo a ‘sta parte; ma gnente dava da pensare che chel dopomezodì là de lulio el podesse essare par lu l’ultimo che ‘l gavarìa passà in mezo ai cristiani. ...
Mariano Sartore - Cartigliano (Provincia di Vicenza)/Italia
24/04/2019 - 6:51
Resposta: Caro Mariano. Semo stai contenti co la to colaborassion. Insieme se pol far sempre on bel laoro riscatando la storia e le storie dei nostri antenati. Ndemo avanti se giutanto sempre. Strucon de man. Grasie.
-----------------------

Bona matina a tuti quanti e che el Senhoreto Gesu reingrassie, salut e felicità tuti giorni. Struconasso....
Joel Daeri Tedesco - Concordia/Santa Catarina
20/04/2019 - 10:21
Resposta: Grassie caro Joel. Anca par ti che la giornada la sia bona, bela e piena de salute. Strucon de man de vero cuor.
-----------------------

Parabéns pela rádio e o resgate da tradição de nossos ancestrais, fico muito feliz em escutar. Forte abraço a todos e que Deus em sua infinita graça ilumine todos hoje e sempre....
Flavio Roque Manfrin - Itápolis/Sao Paulo
17/04/2019 - 11:46
Resposta: Obrigado Flávio pelas palavras de estímulo ao nosso trabalho em prol do resgate e manutenção de nossas raízes. Cordial abraço.
-----------------------

------------------------

» Enviar recado

» Ver todos os recados
 
 
« Voltar

Un Terno Con Destin

Del libro: Grigialda Galina Contadina - Capìtolo 1


Ghera na olta, pi che meno nte la dècada dei setanta, na galina de colònia che vivea ntel cortivo lìbera, la zolea in qua e in là, via pai potreri, in meso ale bèstie, porchi e vache. La fea el nido soto i caresoni e la zera brava de far ovi. La feva un ovo al di e, dei di, fin due, un drio l’altro. Co la fea el ovo la saltea fora del nido e la cantea in alta ose: co-codèc, co-codèc, co-co-co-co dèc, par palesarghe al paron che el ghe comandesse ai tosatei a catarlo su. Zera afari de tosatei catar su ovi, restele par impissar el fogolaro e anca altri laoreti liviani.

La galina la se ciameva Grigialda, par via del color dele pene che fea na méscola de gialdo forte con pene color dela sendre. Dissendente de quarta generassion de na trupeta de galine esilade dela Itàlia ai ani de 1875, risgatade de un bastimento de emigranti che’l se ga sfondà, la bela galina grisa, l’era ben tendesta par el paron dele case, come el costumea rincurar ben tute le bestiolete che le vivea nte quela fameia.

La dormia nte un ramo de naransera. L’era tanto felice e bela la soa vita, piena de salute e libertà. La magnea tuto quel che el paron el ghe dea, e la sbecolea su i buti de erba  fresca, de erbe dure, de bidoni, de rampeghina, de somensete selvàdeghe in volta par le capoere e anca, dele olte, la ndeva in stala dele vache e del porsil dei porchi a magnar quel che vansea dela grìpia, o che caschea fora del lebo, e anca sfrassar le buasse fresche dele bèstie bovine in serca de qualche graneto de mìlio e fasoi soia.

Ogni tanto la se scondea a ciocar e la vegnea fora co na sgnarada de pitini, na bela trupeta che i ghe vegnea adrio spiolando. I toseti i ghe voleva tanto ben ale galine e i le cognossea una par una. I ghe dea nome a ogni una e dele olte i ciapea dei pitini in brasso e i li menea rento de casa adrio el fogon par caressarli, scaldarli del fredo e sugarli dela piova. Guai se qualchedun fesse qualche malagràssia o qualche dispeto ale galine de quela fameia. L’ingurava mal e anca, dele olte, i li frontea con violénsia par difender le so bestiolete che le nassea, le vivea e che solche le vegnaria a morir dopo vècie o de un qualche ciara  malatia che le ciapesse.

El paron de sta fameia, Cesco, l’era un colono grando, riforsà e laorador,  un omo che ghe volea tanto ben ale so bestiolete e no’l le maltratea de nessuna maniera. Le zera tute manse e le ghe corea drio a l’incontro co’l rivea dela colònia. Lu el ghe dea de magnar e anca ghe piasea caressarle. L’era Francesco de nome par colpa de omenaiar so trinona che la se ciamea Francesca, la dona del trinono Giacometo dela Itàlia. Tiràndoghe fora quando i tirea el col dele galine e dei gai, i zera devoti de San Francesco, el Santo Patrono dele bestiolete. Bonassoni l’era el cognome eredità del so trinono Giacometo. Cesco l’era bisnipote de un dei fioi de Giacometo che i ze vegnesti al Brasil. Par no perder tempo, tuti i lo ciamea de Cesco, Cesco Bonassoni.

La parona de Cesco, la se ciamea Indira, so tersa cusina, una dissendente de orientali indiani che i gavea giutà salvar la gente del bastimento talian che se gavea sfondà in alto mar. Sul bastimento indiano, un dei fioi de Giacometo, anca lu, risgatà insieme i nàufraghi, el se ga inamorà dela bisnona de Indira. Se anca no i se capiva ntel parlar, i se capia ntel vardarse. La bisnona de Indira rivando al Brasil, la se ga vestia de taliana e la ze desbarcada zo clandestinamente insieme col bisnono de Cesco, fiol de Giacometo, parché i zera impassionadi, robe de ndar fora dei sentimenti. Indira pertensea a una religion che no l’era mia la catòlica, i ghe disea el budismo. Par chi no lo sa, un budista no’l magna gnanca un tipo de carne, pròpio de gnanca na bèstia. Cesco el ga imparà questo costume de so nono de so nona ancora de picinin e no ghe fea mancansa de magnar carne. La nona la ghe fea tanti dei magnari boni con la produssion dela colònia. No i ghe tirea el col al gal, no i copea né porchi, né boi e no i se ga mai incorti dela astinensa de carne.

La fameia de Cesco e Indira la vivea dela produssion dela colònia che scominsiea adrio del rio Rio Carero e la fea testa cola strada Giral dela Lìnia Ùndese, ancoi Serafina Correa. Ala Ùndese se parlea tuto in talian, tanto in paese come fora par le colònie. Serafina Correa l’era un paese de tanta agricoltura ma, l’era anca tanto forte el turismo, parché ghera ostarie par i turisti che vegnea de Porto Alegre, Passo Fundo e altre sità a passar el veroneio, comprar produti dela colònia e descansar ntele vacanse d’istà.

Par far la véndita dela produssion, Cesco no’l gavea gnanca na condussion par ndar al paese. Cola mula el guastea tuto un di par ndar e vegner. El dipendea dei turisti che indeva nte l’istà a casa soa o de un comersiante che tuti i mesi el fea un giro par tute le lìnie a far negòsii coi coloni. Questo comersiante, el se ciamea Comersindo Felin, el gavea un mercà forte al paese de Dois Lajeados, a quel tempo, distrito de Guaporè, ndove ghe zera la Impresa de Strade e el Batalion Feroviàrio, che i costriva el viaduto dela Mula Preta, ntela Ferrovia do Trigo, pi che meno ntei ani de 1970 o pi avanti. Dois Lajeados, in quel tempo, par via dela ferovia, la gavea due olte depì popolassion de ancoi, fra taliani e brasiliani, come i ghe ciamea a questi ùltimi, dissendenti de africani, parché in quel tempo, ciamarli de negri i resteva in guai parché in modo general, la parola negro la zera associada al senso de spelandron, che no el gaveva voia de laorar. Tanti i ghe atribuiva ai laori mal fati come se i fusse “laori de negri”, se anca i negri i fesse laori tanto ben fati cofà le altre gente come esémpio dela Ponte dela Mula Preta, fata par i negri dela Impresa de Strade e del Batalion Feroviàrio. Sti negri, che i parlea solche in brasilian, i ga squasi obrigà la gente del paese a anca imparar el brasilian. Alora ghera tanti coloni che, par vergogna de parlar in talian, i ciamea un negro o na negra a casa soa a  laorar solche par insegnarghe ai fioi a parlar in brasilian. L’era vergogna parlar in talian. Ghera anca un grando frigorìfero, na granda comperativa agrìcola, molini, segarie, fàbriche de carbon, ferarie de sape e ronconi, fàbriche de carete, aradi e anca comèrsio forte.

Grigialda, Cesco e Felin i ze protagonisti de questa stòria che, par la Grigialda l’era meio che no la se gavesse scominsiada, parché fin ancoi la gavea vivesto polito in pace sensa gnanca un problema insieme ale altre galine, gai e altre bèstie in quela fameia de Cesco, Indira e i soi fioi. Fin che un bel di, ga rivà Comersindo Felin, che tuti i lo cognosseva par Gatoran, nomignolo che el ga ciapà conforme vegnaré a capir drio man che la stòria la se svilupa. Felin, el Gatoran, col so camignon 1946 l’era in casa de Cesco in afari de compra e véndita che l’era el so ofìssio. Tra na ciàcola e l’altra, Cesco l’intiva el assunto de na galina brava de far ovi e de slevar su tanti bei pitossei che i deventea suito polastroti grassi.



 
contador de visitas
teste velocidade
 
publicidade lateral
 
Acompanhe-nos através de suas redes sociais favoritas:
  
 
Nenhuma enquete ativa para exibir!