1
 
 
 
La alba ze Taliana
Início: 00:00 - Término: 07:00
» Ver toda programação
 
 
Ciao a tutti, mi son un talian veneto,de baxan del Grappa. Me mama a xe do rio grande do sul ( guaporé ). Sin contento de sentire e ve vanti puitto Cussitta. Ciaoooo...
Deonir Finotto - Bassano del Grappa ( VI )/VENETO
09/04/2020 - 16:18
Resposta: Caro Deonir. Grassie per scoltar la nostra radio. Ze la nostra magniera de mantegner le raise dei nostri avi. Saluti.
-----------------------

Ciao a tuti. Par caso go scuminzià a scoltarve par radio e go sentìo tante parole venete che usava i me noni e dopo de luri no gó pì sentìo. Vivo in te on paese vizin a Padova e ve ringrazio par quelo che fasì. ciao a tuti....
Luca Bin - Padova/Itália
04/04/2020 - 13:59
Resposta: Caro Luca. Grassie per scoltar la nostra radio. Questa ze la nostra magniera de laorar par mantegner le raise dei nostri avi e valutar turo el so laoro qua ntel Brasile. Saluti.
-----------------------

Grasie par el laoro che fasi co la vostra meravigliosa radio ve scolto senpre dal nostro amato veneto...
Michele costantini - Verona/Italia
24/03/2020 - 17:44
Resposta: Bona sera caro fradel Michele. La nostra casa la ze co le porte verte per ricevel la visita dei nostri fradei veneti. Te spetemo. Saluti mila.
-----------------------

Bona sera dala nostra patria veneta a tutti i fradei veneti che sta in brasìl me piasaria vegner a catarve un dì grasie par el laoro che fasi cola vostra maravigliosa radio!!!...
Michele - Verona, Veneto/italia
24/03/2020 - 17:40
Resposta: Caro Michele. Grassie per scoltar la nostra radio. Ze la nostra magniera de mantegner le raise dei nostri antenati. Saluti.
-----------------------

scolto spesso la vostra radio e vorrei spedirvi i nostri CD per farvi conoscere la nostra musica, potete dirmi a che indirizzo. Grazie buon lavoro Alessio Bus Tomaselli...
Alessio Tomaselli - Belluno/Itália
17/01/2020 - 13:56
Resposta: Caro Alessio. Semo stati contenti co’l tuo messagio. Volemo si el CD co le vostre musiche. Semo pramosi par riceverlo. Gràssie per scoltar la nostra programassion che la femo per mantegner le nostre raise venete portate cuà per i nostri antenati. Saluti.
-----------------------

Ve scolto da la provincia de Padova, Veneto Xe sempre on piaser sentire vecie canson che qua femo fadiga de sentire. Tanti auguri de Bon ano novo a tuti. Viva San Marco....
Francesco Magro - Monteortone, Padova, Veneto/Italia
03/01/2020 - 17:20
Resposta: Grássia per scoltarne. Laoremo par mantegner le nostre raize venete che i nostri antenati i gá porta al Brasile. Bono 2020 anca par voaltri. Saluti.
-----------------------

Um buon natale a tutti quanti nostri italiani. Um strucon de man a tutti....
Valmir citadini - Balneario Rincão/SC
24/12/2019 - 11:41
Resposta: Anca par ti caro Valmir. Grassie per scoltar la nostra radio. Ze la nostra magniera de mantegner le raise dei nostri antenati. Saluti.
-----------------------

Buongiorno, mi chiamo Andrea Rosasco è sono uno studente del Centro Sperimentale di Cinematografia - Scuola Nazionale di Cinema, Roma. Con alcuni compagni di scuola, di cui uno veneto, vorremmo approfondire il tema degli italiani in Brasile. Vorremmo fare un documentario sulle comunità Talien, perché ci affascina molto il legame con le loro radici venete. Abbiamo già qualche contatto ma ci piacerebbe conoscere più persone possibili appartenenti alla comunità per conoscere le loro storie....
Andrea Rosasco - Trieste/Itália
23/12/2019 - 13:29
Resposta: Caro Andrea. È con gioia che riceviamo il tuo messaggio. Possiamo collaborare con il tuo lavoro, poiché è anche nostro obiettivo salvare e mantenere viva la storia dei nostri antenati immigrati italiani. Parliamo per rendere possibile questa collaborazione. Cordiale abbraccio.
-----------------------

Bel programa, auguri. Son drio scoltarve e vou che me su la sonada El vècio el va, el novo el vien del autor Wilson Canzi de Pinhalzinho, SC...
Noeli Alessi Soletti - Nova Erechim/Santa Catarina
18/12/2019 - 11:31
Resposta: Gràssie Noeli. Laoremo par mantegner le nostre radise e anca che la programassion la sia dal gusto de chi scolta. Saluti.
-----------------------

feliche natal a tuti salute e em poqui de soldi nol fa mal a nessuni...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/12/2019 - 11:37
Resposta: Gràssie caro amico. Anca par ti e to fameia i migliori saluti. Pace, salute, fortuna e soldi ntea scarsela fa bene a tuti nel 2020. Gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

go manja anca io i pissa can...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/12/2019 - 11:35
Resposta: E che boni che i zera. Fa vegner voia de magnarli ncora. Saluti.
-----------------------

fim que la dura mai paura strucon a tuti ei taliani que escolta cuesta radio bonissima...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/10/2019 - 11:11
Resposta: Gràssie caro Agenor per scoltar la RBT. Laoremo par contentar chi prestigia la programassion intanto che giutemo a mantegner le nostre raise. Strucon de man,
-----------------------

Bona note Talian Son qua che scolto Bele sonade Te spetemo 25/26/27/10/2019 Difusori del Talian Nova Erechim SC...
Airton Darcy Deon - Nova Erechim/SC
17/09/2019 - 20:31
-----------------------

Buongiorno, sono Barbara Braghin, una giornalista italiana, che vive e lavora a Rovigo. Ho visto che state promuovendo un concorso di poesie sul comune di Arquà Polesine. La locandina è in facebook. Posso avere notizie. Scrivo sul quotidiano La Voce di Rovigo. Cordiali saluti. Barbara Braghin 0039 340 9530338...
Barbara Braghin - Ariano nel Polesine/Rovigo Italia
05/08/2019 - 10:07
Resposta: Cara Barbara. Sarà un piacere parlare con te. Ci terremo in contatto e grazie per il contatto. I migliori saluti.
-----------------------

Bon di a tuti Taliani de questa rádio bela. Mi son Deivid Brombatti, qua di Caxias do Sul. Mi sto drio ascoltar tuti di la programassion bonissima che ze fata con tanto amore. Un struconaso e un gran saluto a tuti valtri....
Deivid Brombatti - Caxias do Sul/RS
27/07/2019 - 13:27
Resposta: Bona sera. Semo stati contenti per ricever el vostro messàgio. Strucon de man a tuti voaltri e gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

Cara Ràdio Brasil Talian, me ciamo Claudio Vallarini e ve scrivo da Badia Polesine, provincia de Rovigo, Italia. Parlo el dialetto polesàn e rancuro modi de parlar della gente della me città. Me fa tanto piazere savere che ghe xè nà Radio che trasmette in Lingua Veneto Taliàn. La vostra Lingua usa paròe desuete, qua in gran parte scomparse, ma come dixemo niantri, tirando un poco le rece, recezando, facendo un piccolo sforzo di ascolto, riussimo a capirve. Bravi. La vostra iniziativa la merita t...
Claudio Vallarini - Badia Polesine Rovigo/Itália
20/06/2019 - 10:26
Resposta: Grazie per il messaggio e el incoraggiamento del nostro lavoro. Se troveremo una risposta alla tua richiesta, te le invieremo. Cordiali saluti.
-----------------------

Buongiorno a tutti, sono una studentessa Ítalo brasiliana dela Università degli Studi di Milano e sto facendo delle ricerche per la mia tesi di laurea magistrale, in cui parlerò della preservazione delle culture attraverso la radio. Ho incontrato la vostra bellissima radio e mi piacerebbe molto poter raccontarla. Avrei bisogno del contatto di qualcuno che mi possa dare informazioni in più su di voi ed eventualmente fare delle interviste, mi sarebbe di grande aiuto! Grazie e buona giornata...
Fernanda Bolzan - Trieste/Italia
18/06/2019 - 9:02
Resposta: Grazie per in contato. Ci parleremo.
-----------------------

Boa tarde a todos da radio. Estamos aqui em São Paulo curtindo a programação. Mande um abraco especial ao meu pai Valmor Zambiasi e minha tia Teresinha Zambiasi de Nova Brescia....
MARCELO ZAMBIASI - São Paulo/SP
15/06/2019 - 13:37
Resposta: Bona sera. Semo stati contenti per ricever el vostro messàgio. Lo mandaremo si. Strucon de man a tuti voaltri e gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

Buonasera, vi contatto dalla rassegna stampa notturna del giornale radio Rai, da Roma: il nostro programma si chiama Tra poco in edicola e va in onda dal lunedì al venerdì, dalle 23.30 alla 1.30 - il lunedì dalle 00.30, su Radiouno - ora italiana. Si tratta di una cortesia: ci stiamo occupando, attraverso una sorta di rubrica settimanale, che va in onda ogni mercoledì, delle radio italiane all estero e, con la occasione, parliamo della comunità italiana nei paesi di volta in volta toccati. C...
Antonio Bonanata - Roma/Itália
12/06/2019 - 10:04
Resposta: Grazie per l’invito. Ci parliamo. Buona giornata.
-----------------------

Hoje através do FILÓ TALIAN tivemos o prazer de ouvir a sua programação e logicamente cadastrar a sua emissora. Fazemos parte de um grupo fechado, OS PIZZI. Temos em torno de 1.200 membros. Todos com descendência de Italianos. Fico agradecido e por aqui onde o judas perdeu as meias ficamos ligados e sintonizados ouvindo a sua maravilhosa programação. Parabéns. ROBERTO CORREA PIZZI. Um dos Administradores do grupo fechado OS PIZZI....
Roberto Correa Pizzi - TANGARA DA SERRA/Mato Grosso
04/05/2019 - 13:16
Resposta: Gràssie caro Roberto. Laoremo par mantegner le nostre raise Taliane soratuto el parlar. Te ringrassiemo par prestigiar el nostro laoro che lo femo par portar alegressa e ben essere a chi scolta. Un vero strucon de man. Rádio Brasil Talian
-----------------------

------------------------

» Enviar recado

» Ver todos os recados
 
 
« Voltar



Del libro: Grigialda Galina Contadina -Capìtolo 4

CIÀCOLA D’IMBROIO

La Grigialda, serada su e convinsesta de che no la garia forsa de spacar le steche inciodae con tre ciodi in sima, tre ciodi in meso e tre ciodi soto, la se ga intregada ala tristessa, avelia cola solitùdine.Un sentimento però, ghe ga impissà la speransa de ritrovar la felissità, se anca la fusse serada su. Ghe ga batesto un sentimento de cioca e ghe ga vegnesto in mente i soi pitini. Credendo che Felin no’l garia parché contrariarla, dato che la continuaria serada a darghe ovi e pitini, par parar via el rimpianto e la saudade, la ga risolvesto dimandarghe permission al paron par ciocar na dùsia de ovi. I pitini che nassaria i ghe faria compagnia.
Felin el ghe piasea scoltar la galina parlar, no parché el concordesse con quel che ela la disea, ma parché lu l’era curioso de sentir na bestioleta parlar come na persona.

Ma suito che la galina la fenia, lu el gavea la so opinion sempre pronta.
— Nò, cara, i to pitini i ze tuti belche nassesti e grandi! — ghe dise Felin.
— Come cossì, nassesti e grandi se no li go mia ciocadi? — la lo ga dubità la Grigialda.
— Varda come go pensà tuto par ti, mi vui sparagnarte de questa tribulassion, mi go la ciocadera elètrica!
— Ciocadera elètrica? No go mai sentisto dir de sta indùstria! Cossa zelo sto mistier? — la contìnua a interogarlo Grigialda.
— Ti, varda de far ovi che del resto penso mi! No ghe manca né de magnar, né àqua fresca e i ze a l’ombra tuto el di! — el ghe zonta Felin, come se el fusse drio dirghe na roba gradévole che la Grigialda la lo ringrassiesse.
— A l’ombra tuto el di? — se ga spaurada la Grigialda. — Ma poareti, gnanca un pel de Sol par scaldarse? 
— Mi li scaldo col incanamento del fogolaro! — ghe spiega el paron, che’l gavea costruio un fogolaro coi cani vècii del forno de fumo desativà.
La Grigialda la se ga fata curiosa e la se ga incoraiada a dimandarghe se lu’l la assesse véderli.
— Si, si, ancora doman te li mostro e te vedarè che bei che i ze!
La galina no la zera sicura se Felin l’era ancora drio torla in giro, parché el gavea pronunsià par la prima volta parole con sincerità e serietà stampada ntela fàcia che no parea gnanca el medésimo paron che la gavea cognossesto.
— Giureme che me li mostrarè doman! — la lo sfida la galina.
— Mi non son mia un omo de far giuramenti ale bèstie, ma par mostrar che son de parola, te giuro par tuto quel che ghe ze al mondo, a Dio, se’l ghe ze, e, se ocore, anca al diàolo, se’l esiste anca quel, che mi doman te mostro tuti i to pitossei e polastrei! — el ghe giura Felin.


Felin el savea cossa che’l gavea in mente. El sodisfaria el desidèrio dela galina e anca no’l tornaria in drio col so propòsito de mantegner la Grigialda sempre in caponara.
A Dois Lajeados ghera un brao ritratista, de nome Gentil, che el costumea ritratar tuti i matrimònii, feste, timi de bola ntei torneii dele doméneghe e ritrati par documenti. Ritratar un mùcio de galine nte un galiner no saria mia difarente. Felin el ciapa el so camignoneto e l’è ndà suito rento al paese ndove zera de star el ritratista e lo ga invità a ndar insieme con lu ntel punaro grando, che i ghe ciamea de aviàrio, pien de polastri in grassa, par ritratarli. Gentil no’l gavea mai fato un laoro compagno, ma par via de ciapar un per de fiorineti, no’l ga assà scampar el freghese. El ga tirà diversi ritrati, in tute le maniere, de quei pitossei inmuciai su che i parea fin na trupa de piégore incantonade ntei di de fredo.
— Próntemeli par doman, che li go in promessa! — ghe ricomanda Felin.
— Par doman son streto de tempo, parché go diversi casamenti de fenir e farghe la intrega! — el ghe dise el ritratista.
— Ma mi te li pago adiantadi, se ocore, parché son omo de parola con chi ghe imprometo!
Gentil se gà meso amirà cole parole de Felin che, difissilemente l’impegnea parola con qualchedun, prinsipalmente col pagamento adiantà, parché sempre che’l podea far a fiado e tirarla longa par pagar i so dèbiti, lo fea e tante olte, se un el gavea vergogna de cobrarghe, el fea finta de desmentegarse dei dèbiti. Altre volte, coi dèbiti vècii da ani, el gavea coraio de giurarghe al credor che l’era sicuro de gaver pagà e el diseva che’l gavea testimònii, che no i vegnesse cobrarghe nantra volta parché el li riceveria  cola s-ciopa de due cani, carga de teste de ciodi e baletoni.
Al mesdì, l’è ndà a tor i ritrati metesti ntele soade  quadre, con gàncio par picarle via al ciodo.
El ghe ga portà i ritrati a la galina par incontentarla,  par che la li vardesse tuti i di picai via ntela portela dela caponara e anca fora ntele tàole davanti la caponara par che la gavesse certetessa de che i so fioi i zera ben rincuradi.
— Adesso te pol gòdertela, vardàndoli ntel ritrato e te pol star sicura che no ghe manca né de magnar, né de bever e anca, i ze al querto dela piova e del fredo! — el ghe ga dito Felin.


La galina la ze stata mesa imbambia dela maniera che Felin el ghe ga mostrà i pitini e, ogni volta depì la se convinsea che Felin no’l zera mia un omo de ciaparse indrio; par gnente nol saria un omo sior e de poder. La se ga straniada anca de veder che sti pitini i zera tuti del medésimo color, bianchi, e dela medésima età, parché quei che i nassea de ela quando l’era in casa de Cesco, i zera un difarente de l’altro — negri, bianchi, maciolai, rossi, gialdi, grisi, in fine, de tuti i colori.


La pensea in tra de ela stessa che, se el gal de somensa che, dele volte Felin el ghe lo portea ntela caponara, el fusse sempre el medésimo e bianco, alora, i pitini i podaria esser crie de ela ma, al pi dele olte, el gal de somensa l’era rosso, negro o griso. Granfati che no ghe nassesse al manco un per de pitini de altri colori!
Ma, fósseli fioi de ela o de altre galine, fursi ntela medésima condission, ela la ghe fea pecà in stesso, parché gnanca no i podea zolar, né corer in quela maniera inmuciai su. Queste le zera state le ùltime fiame de speransa che la galina la gavea impissàde, fursi, gaver un poco de felissità, se anca serada su ntela gàbia. Queste fiame suito le se ga smorsade cola stratègia de Felin de catar sempre na maniera de schivarse de incontentar i desidèrii dela galina. Lu el gavea solche in mente i soldi, de vender ovi e meter via soldi. Quanto depì soldi el gavea lu, pi libertà el gaveva de far le robe che lu el ghe piasea. La libertà dela galina no la ghe interessea mia, parché na galina ze na bestioleta e ghe toca viver in servìssio, conforme l’interesse del so paron, che’l saria paron dela so vita e anca el gavaria el poder de dessider quando e de che maniera la gavaria de morir. Gnanca par darghe de magnar no’l verzea la portela, el ghe lo trea rento par le sfese del stecato dela paura che la ghe scampesse fora.
Fora de coparse, tanti pensieri bruti i ghe vegnea in mente ala galina. La saria bona de morir lotando a sbeconade e sporade contra el paron par scamparghe via. Par parar via la tristessa e la malinconia, pinpianin e soto ose, la subiea la vècia mùsica che Cesco el cantea con la so fémena e i soi toseti. Par la prima volta la se ga fermada a pensarghe sora de quel che diseva la  mùsica vantando la dimostrassion de coraio eròico de so antenate galine che, ala Italia, le gavea fato na revolta contra el so paron. Intanto che la subiea la serea i òcii e cola mente la sentia come se i fusse lì darente, Cesco, Indira  e i so toseti, che i cantea:

Me Compare Giacometo
El gavea un bel galeto.
Quando el canta el verze el beco
E’l fa pròpio inamorar.
Ma un bel giorno la parona,
Par far festa a’invitadi,
La ghe tira el col al galo
E la lo mete a cusinar.
Le galine tute mate
Par la pèrdita del galo
Le ga roto el capunaro
Dela ràbia che le ga.

 
webcounterwebsite
 
publicidade lateral
 
Acompanhe-nos através de suas redes sociais favoritas:
  
 
Nenhuma enquete ativa para exibir!