1
 
 
 
La note ze Taliana
Início: 19:00 - Término: 23:55
» Ver toda programação
 
 
Ciao a tutti, mi son un talian veneto,de baxan del Grappa. Me mama a xe do rio grande do sul ( guaporé ). Sin contento de sentire e ve vanti puitto Cussitta. Ciaoooo...
Deonir Finotto - Bassano del Grappa ( VI )/VENETO
09/04/2020 - 16:18
Resposta: Caro Deonir. Grassie per scoltar la nostra radio. Ze la nostra magniera de mantegner le raise dei nostri avi. Saluti.
-----------------------

Ciao a tuti. Par caso go scuminzià a scoltarve par radio e go sentìo tante parole venete che usava i me noni e dopo de luri no gó pì sentìo. Vivo in te on paese vizin a Padova e ve ringrazio par quelo che fasì. ciao a tuti....
Luca Bin - Padova/Itália
04/04/2020 - 13:59
Resposta: Caro Luca. Grassie per scoltar la nostra radio. Questa ze la nostra magniera de laorar par mantegner le raise dei nostri avi e valutar turo el so laoro qua ntel Brasile. Saluti.
-----------------------

Grasie par el laoro che fasi co la vostra meravigliosa radio ve scolto senpre dal nostro amato veneto...
Michele costantini - Verona/Italia
24/03/2020 - 17:44
Resposta: Bona sera caro fradel Michele. La nostra casa la ze co le porte verte per ricevel la visita dei nostri fradei veneti. Te spetemo. Saluti mila.
-----------------------

Bona sera dala nostra patria veneta a tutti i fradei veneti che sta in brasìl me piasaria vegner a catarve un dì grasie par el laoro che fasi cola vostra maravigliosa radio!!!...
Michele - Verona, Veneto/italia
24/03/2020 - 17:40
Resposta: Caro Michele. Grassie per scoltar la nostra radio. Ze la nostra magniera de mantegner le raise dei nostri antenati. Saluti.
-----------------------

scolto spesso la vostra radio e vorrei spedirvi i nostri CD per farvi conoscere la nostra musica, potete dirmi a che indirizzo. Grazie buon lavoro Alessio Bus Tomaselli...
Alessio Tomaselli - Belluno/Itália
17/01/2020 - 13:56
Resposta: Caro Alessio. Semo stati contenti co’l tuo messagio. Volemo si el CD co le vostre musiche. Semo pramosi par riceverlo. Gràssie per scoltar la nostra programassion che la femo per mantegner le nostre raise venete portate cuà per i nostri antenati. Saluti.
-----------------------

Ve scolto da la provincia de Padova, Veneto Xe sempre on piaser sentire vecie canson che qua femo fadiga de sentire. Tanti auguri de Bon ano novo a tuti. Viva San Marco....
Francesco Magro - Monteortone, Padova, Veneto/Italia
03/01/2020 - 17:20
Resposta: Grássia per scoltarne. Laoremo par mantegner le nostre raize venete che i nostri antenati i gá porta al Brasile. Bono 2020 anca par voaltri. Saluti.
-----------------------

Um buon natale a tutti quanti nostri italiani. Um strucon de man a tutti....
Valmir citadini - Balneario Rincão/SC
24/12/2019 - 11:41
Resposta: Anca par ti caro Valmir. Grassie per scoltar la nostra radio. Ze la nostra magniera de mantegner le raise dei nostri antenati. Saluti.
-----------------------

Buongiorno, mi chiamo Andrea Rosasco è sono uno studente del Centro Sperimentale di Cinematografia - Scuola Nazionale di Cinema, Roma. Con alcuni compagni di scuola, di cui uno veneto, vorremmo approfondire il tema degli italiani in Brasile. Vorremmo fare un documentario sulle comunità Talien, perché ci affascina molto il legame con le loro radici venete. Abbiamo già qualche contatto ma ci piacerebbe conoscere più persone possibili appartenenti alla comunità per conoscere le loro storie....
Andrea Rosasco - Trieste/Itália
23/12/2019 - 13:29
Resposta: Caro Andrea. È con gioia che riceviamo il tuo messaggio. Possiamo collaborare con il tuo lavoro, poiché è anche nostro obiettivo salvare e mantenere viva la storia dei nostri antenati immigrati italiani. Parliamo per rendere possibile questa collaborazione. Cordiale abbraccio.
-----------------------

Bel programa, auguri. Son drio scoltarve e vou che me su la sonada El vècio el va, el novo el vien del autor Wilson Canzi de Pinhalzinho, SC...
Noeli Alessi Soletti - Nova Erechim/Santa Catarina
18/12/2019 - 11:31
Resposta: Gràssie Noeli. Laoremo par mantegner le nostre radise e anca che la programassion la sia dal gusto de chi scolta. Saluti.
-----------------------

feliche natal a tuti salute e em poqui de soldi nol fa mal a nessuni...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/12/2019 - 11:37
Resposta: Gràssie caro amico. Anca par ti e to fameia i migliori saluti. Pace, salute, fortuna e soldi ntea scarsela fa bene a tuti nel 2020. Gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

go manja anca io i pissa can...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/12/2019 - 11:35
Resposta: E che boni che i zera. Fa vegner voia de magnarli ncora. Saluti.
-----------------------

fim que la dura mai paura strucon a tuti ei taliani que escolta cuesta radio bonissima...
agenor bozzetto - capao da canoa/rs
10/10/2019 - 11:11
Resposta: Gràssie caro Agenor per scoltar la RBT. Laoremo par contentar chi prestigia la programassion intanto che giutemo a mantegner le nostre raise. Strucon de man,
-----------------------

Bona note Talian Son qua che scolto Bele sonade Te spetemo 25/26/27/10/2019 Difusori del Talian Nova Erechim SC...
Airton Darcy Deon - Nova Erechim/SC
17/09/2019 - 20:31
-----------------------

Buongiorno, sono Barbara Braghin, una giornalista italiana, che vive e lavora a Rovigo. Ho visto che state promuovendo un concorso di poesie sul comune di Arquà Polesine. La locandina è in facebook. Posso avere notizie. Scrivo sul quotidiano La Voce di Rovigo. Cordiali saluti. Barbara Braghin 0039 340 9530338...
Barbara Braghin - Ariano nel Polesine/Rovigo Italia
05/08/2019 - 10:07
Resposta: Cara Barbara. Sarà un piacere parlare con te. Ci terremo in contatto e grazie per il contatto. I migliori saluti.
-----------------------

Bon di a tuti Taliani de questa rádio bela. Mi son Deivid Brombatti, qua di Caxias do Sul. Mi sto drio ascoltar tuti di la programassion bonissima che ze fata con tanto amore. Un struconaso e un gran saluto a tuti valtri....
Deivid Brombatti - Caxias do Sul/RS
27/07/2019 - 13:27
Resposta: Bona sera. Semo stati contenti per ricever el vostro messàgio. Strucon de man a tuti voaltri e gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

Cara Ràdio Brasil Talian, me ciamo Claudio Vallarini e ve scrivo da Badia Polesine, provincia de Rovigo, Italia. Parlo el dialetto polesàn e rancuro modi de parlar della gente della me città. Me fa tanto piazere savere che ghe xè nà Radio che trasmette in Lingua Veneto Taliàn. La vostra Lingua usa paròe desuete, qua in gran parte scomparse, ma come dixemo niantri, tirando un poco le rece, recezando, facendo un piccolo sforzo di ascolto, riussimo a capirve. Bravi. La vostra iniziativa la merita t...
Claudio Vallarini - Badia Polesine Rovigo/Itália
20/06/2019 - 10:26
Resposta: Grazie per il messaggio e el incoraggiamento del nostro lavoro. Se troveremo una risposta alla tua richiesta, te le invieremo. Cordiali saluti.
-----------------------

Buongiorno a tutti, sono una studentessa Ítalo brasiliana dela Università degli Studi di Milano e sto facendo delle ricerche per la mia tesi di laurea magistrale, in cui parlerò della preservazione delle culture attraverso la radio. Ho incontrato la vostra bellissima radio e mi piacerebbe molto poter raccontarla. Avrei bisogno del contatto di qualcuno che mi possa dare informazioni in più su di voi ed eventualmente fare delle interviste, mi sarebbe di grande aiuto! Grazie e buona giornata...
Fernanda Bolzan - Trieste/Italia
18/06/2019 - 9:02
Resposta: Grazie per in contato. Ci parleremo.
-----------------------

Boa tarde a todos da radio. Estamos aqui em São Paulo curtindo a programação. Mande um abraco especial ao meu pai Valmor Zambiasi e minha tia Teresinha Zambiasi de Nova Brescia....
MARCELO ZAMBIASI - São Paulo/SP
15/06/2019 - 13:37
Resposta: Bona sera. Semo stati contenti per ricever el vostro messàgio. Lo mandaremo si. Strucon de man a tuti voaltri e gràssie per scoltar la Rádio Brasil Talian.
-----------------------

Buonasera, vi contatto dalla rassegna stampa notturna del giornale radio Rai, da Roma: il nostro programma si chiama Tra poco in edicola e va in onda dal lunedì al venerdì, dalle 23.30 alla 1.30 - il lunedì dalle 00.30, su Radiouno - ora italiana. Si tratta di una cortesia: ci stiamo occupando, attraverso una sorta di rubrica settimanale, che va in onda ogni mercoledì, delle radio italiane all estero e, con la occasione, parliamo della comunità italiana nei paesi di volta in volta toccati. C...
Antonio Bonanata - Roma/Itália
12/06/2019 - 10:04
Resposta: Grazie per l’invito. Ci parliamo. Buona giornata.
-----------------------

Hoje através do FILÓ TALIAN tivemos o prazer de ouvir a sua programação e logicamente cadastrar a sua emissora. Fazemos parte de um grupo fechado, OS PIZZI. Temos em torno de 1.200 membros. Todos com descendência de Italianos. Fico agradecido e por aqui onde o judas perdeu as meias ficamos ligados e sintonizados ouvindo a sua maravilhosa programação. Parabéns. ROBERTO CORREA PIZZI. Um dos Administradores do grupo fechado OS PIZZI....
Roberto Correa Pizzi - TANGARA DA SERRA/Mato Grosso
04/05/2019 - 13:16
Resposta: Gràssie caro Roberto. Laoremo par mantegner le nostre raise Taliane soratuto el parlar. Te ringrassiemo par prestigiar el nostro laoro che lo femo par portar alegressa e ben essere a chi scolta. Un vero strucon de man. Rádio Brasil Talian
-----------------------

------------------------

» Enviar recado

» Ver todos os recados
 
 
« Voltar

Oferta de aiuto

Del libro: Grigialda Galina Contadina -Capìtolo 6

 

El lagardo Papogialdo, alora,  con pecà de sta galina che l’era condanada a,  fursi, morir lì dentro, serada su ntela caponara, el ghe ga fato na proposta:

— Par un per de mesi, fin che i mei lagardini i deventa lagardoti riforsadi, ti te me dè un ovo al di e mi te giuto a scampar fora de sta preson!

— Scampar? Ben che lo volaria, ma go proà spacar queste colone de ocalito, ma le ze de cerno e no me giova sforsarme, e par rosegarle col beco me volaria un beco de asso par che no’l se fruesse! — la ghe spiega, trista, la galina.

— Mi posso giutarte, se te voi! — serca de farghe coraio el Papogialdo.

— Come cossì? — se manifesta, sempre dubiosa, la Grigialda.

— La me idea saria che te me dessi tuti i ovi e anca un poco de farina dela to rasson a mi. El paron, vedendo de che no te fe pi ovi, el scominsiarà a ingrassarte par vénderte al frigorìfico! — el aprofita el lagardo, par valutar el so aiuto.

— Fin prima te bastea i ovi, adesso te vol anca farina? — la ghe risponde, sfeduciosa, la galina.

— Te pol fidarte! No ghe ze rason par la to sfedùcia galina, l’e che, noantri lagardi, semo tuti poareti e slanchi, e par poder giutarte ne bisogna forsa e bona salute. Tute le sere noantri vegnemo qua e ti te ne dè i ovi e te sfrassi fora dela farina par noantri magnar e riforsarse, tanto par la fameia dei lagardi, cossì anca par quela  dei rati, che no i magna ovi, ma i ghe piase tanto la farina! — ghe spiega nantra volta, persoasivo, el lagardo.

— E par cossa la to preocupassion coi rati? — ghe domanda Grigialda.

— I rati i ze soldati del me piano, sensa de lori no ghe ze fuga! — el ghe taca Papogialdo.

La idea del lagardo no ghe parea de tuto despresìbile, ma podaria esser che el lagardo el fusse nantro imbroion ancora pi grando del paron Gatoran, ma tuto quel che el lagardo Papogialdo el ghe gaveva dito fin adesso, pareva gaver un fondo de verità e anca tanta coerensa.

— El me piano l’è infalìbile! — el ghe da garansia, Papogialdo.

In poche parole el ghe ga spiegà el piano, che in sìntese, l’era che ntel di che rivaria el camignon par menar via la galina, i rati e i lagardi i restaria de sentinela. El camignon el riveva sempre al fresco, una ora vanti s-ciarir el di.

— Con na vis-ciada, quando el camignon spunta su ntela voltada dela incrosiliada del monte, ciamemo i rati che i vaga tuti  a rosegar le colone de ocalito che tien su la gàbia. Noantri, lagardi, urtemo le colone in banda e verdemo na sfesa granda e ti te vegni fora. Nte na zolada te ciapi la scapoera. Co riva el camignon, cosa càteli? Verta la caponera, mìlio, ovi e farina par tera! Cossa càtito del me piano? — ghe domanda el lagardo.

— Sémpio, ma fursi genial e sicuro! — ghe dise, amirada, Grigialda.

— O morir, o fidarte de mi! No te ghè gnente de perder, fursi, solche de guadagnar, mia vera? 

La galina, alora, la scomínsia a assar là de magnar, par vegner magra par passarghe ntela sfesa che i lagardi i verdaria; perder peso par poder deventar pi legera e sguelta de corer e zolar par scampar. Dopo de questo di, tuti i so ovi la ghe li dea ai lagardi, che i vegnea bei grassi a ogni di che passea.

El lagardo, alora, el ga sercà de pareciar tuto quel che ghe ocorea par esecutar el piano a qualunche momento.

El paron Felin el se ga incorto suito che la galina no la feva pi ovi, e alora, el scomìnsia darghe de magnar in dópio, par che la vegnesse ben grassa da vender. La galina, alora, la ghe tochea sfrassar fora un mùcio de rasson tuti i di, e l’era na festa granda tute le sere par i rati e i lagardi.

Felin el ga visto anca che con pi magnar che’l ghe dea,  pi slanca la deventea, ma no el se gavea incorto che i rati romai i se someieva a porcheti in grassa, e i lagardi romai i zera deventai grandi come i zacarè.

Stufo cole spese sensa risultado, el paron dopo de un per de besteme, el ciama el camignon del frigorìfico e el ghe dise che el voleva vender la galina. Felin el gavea prèssia e ghe bisognea far de svelto, prima che la galina la ghe morisse, parché el sospeteva  che la fusse magagnada, e cossì el feva, sempre che qualche béstia la mostresse qualche segnal de malatia. Par sodisfar a Cesco el ghe portaria là una galina morta drio spussar par che no el lo maledissesse o el ghe cobresse qualche indenisassion.

La fameia dei rati la zera ben organisada, ghera el paron che’l li spartia in trupete de mesa dùsia e ogni trupeta col so lider, e tuti i se  comportea d’acordo con le òrdine del so comandante o dele decision coletive ntele reunion che i fea na volta a la stimana, de note, rento la grota dela toca dele rapose, soto la radisona smarsa dela mariamola.

Ghera un rato destinà al servìssio secreto de informassion, sempre de prontidon, che el scoltea tute le telefonade che el paron el fea e el ricevea.

Sto rato el ga fato un ‘gato’ par scoltar el Gatoran. Come se dise in brasilian, un ‘gato’ l’é un grampo ntel fil del telèfono par scoltar in scondion quel che i altri i parla. I gati i se ofendea quando qualchedun ciamesse Felin de Gatoran, parché li paragonea a un omo rugno, e lori no i se considerea  rugni come lu. EI rato el ga rosegà el plàstico del fil e’l ga messo su un echipamento vècio che’l gavea rangià par scoltar le ciàcole del paron. Così el riussiva saver de tuto, dela vita del paron, l’ora che’l ndea dormir, chi rivea de vìsita, quando el se ausentea de casa, e così i podaria far el bacan sensa paura de esser ciapadi in flagrante e, prinsipalmente, par saver che tipo de velen par i rati el comprea.

El paron el se gavea incorto de un baruio strànio quando el zera al telèfono e el gà ciamà un tènico dela compagnia de telecomunicassion a far na vistoria, na perìssia. El ténico el ga sercà, proà, sfrugnà e no’l ga catà gnente, e el ghe ga dito che l’era l’umidità ntel fil che passea soto tera. L’era pròpio soto tera che el ratin el gavea fato el so laoro par no esser scoperto né par el paron, né par i cagni.

I gati del Gatoran i zera tuti mansi come le piégore. I gavea perso el stinto de caciar rati, parché Felin el ghe portea casa tuti i di, sestonade de pitini morti dei aviàrii par lori magnar. Cossì i ze deventadi grossi, grassi e pegrissiosi. I fea fin fadiga móverse. No i ghe fea gnanca caso ai rati. I ga fato amicìssia coi gati, e dele volte, i dormia insieme. Ghera fin ratini che i ciucea ntele le tete dele gate. L’era parquela che Felin el comprea velen par copar i rati, ma i rati, dopo de due tre ratini bauchi esser invelenadi, i se ga fati furbi. Scoprindo la marca del velen, quando el lo incomendea, i ghe fea la varda ndove lo scondea, e un rato ndea far el ricognossimento. El ghe portea via un graneto de velen par far dimostrassion ai altri rati che, co i catesse sto graneto, se anca l’era tanto gustoso e de odor bon da magnar, l’era un tradimento, un ingano che ghe costaria la vita. In pochi minuti, dopo magnà el velen, ghe s-ciopeva le vene dei rati e i moriva sgionfi de emoragia interna.

Nte una de queste telefonade, el rato el ga scoltà el paron ndar in teso col frigorìfico, marcando ale quatro e mesa dela matina par vegner cargar su la galina.

Questo l’era el di ‘D’. El piano del lagardo el se meteria in esecussion: o tuto o gnente, o la vita o la morte, o la libertà o la preson!

 

 

 



 
webcounterwebsite
 
publicidade lateral
 
Acompanhe-nos através de suas redes sociais favoritas:
  
 
Nenhuma enquete ativa para exibir!